Tag

stati uniti d’america

Browsing

Born to run è un viaggio in moto negli USA, uno sfrenato sogno americano. Se esiste un periodo della mia vita al quale sono in qualche modo più legato è quello degli anni ’70, quando in televisione spopolavano film western, serie cult americane quali Happy Days e Starsky & Hutch e le radio trasmettevano la voce di un giovane Bruce Springsteen, destinato a diventare il re del rock.

Florida and Daytona Bike Week. For me “birthday” is synonymous with “travel”. The awareness of time passing and the latent thoughts about taking stock of my life no longer allow me to dream of white beaches and crystal clear waters. I am looking for new emotions for proving myself to be still young!

So it was born the idea to visit Florida in motorbike together with my better half. The first trip in the States on a Harley-Davidson, for living as bikers. “Welcome bikers!” This is the expression that accompanies us on our journey and that bonds us to the many bikers of different ages and nationalities that we meet along our path.

Florida and Daytona Bike Week – Miami and The Beachs

With a very little luggage, our tour starts from Miami, specifically from Miami Beach.

The first surprise is represented by the climate; we hoped to find warm temperatures suitable for motorcycle trips, that would allow us to fully enjoy the emotions conveyed by the “B twin”, but we found cold rain and wind which forced us to “rob” the HD dealerships looking for winter clothing.

Miami Beach consists of a long narrow strip of land that stretches from the Bay of Biscayne and the Atlantic Ocean. Extensive beaches with fine sand, palm trees and wide sidewalks undisputed reign of skaters and skateboarders.

The main attraction is South Beach, where you find the largest concentration of the Art Deco stylish buildings and the famous Ocean Drive, that teems with life both day and night; here they were filmed many scenes of the television series Miami Vice, popular in the 80s.

With a bus we crossed the MacArthur Causeway bridge towards Downtown for reaching the mainland, to discover the two fascinating and rich of history neighborhoods: Little Haiti and Little Havana, testimonies of the Caribbean and Latin American communities.

It seems to be in Cuba: friendly people, music, impromptu performances along the way, everything is moving to rhythm of music.

Bayside Marketplace is the kingdom of shopping, full of crowded pubs where you can eat and drink cocktails or fruit smoothies.

Key West direction

The big day arrives, the long awaited day when our adventure starts; it’s time to know the “iron” that will make us discovering Florida: a Harley Davidson Electra Glide, glossy black … a show!

U.S.A. - Florida Keys
U.S.A. – Florida Keys

We move to Key West, delightful town at the end of the Florida Keys, the islands of Florida that are lost in the Caribbean sea, the southernmost point of the United States. To reach the city there is a unique and beautiful panoramic road, the Overseas Highway; 261 km long, linking the islands with over 40 bridges.

The first stop is traumatic, the weather conditions are prohibitive: wind and driving rain. The wind is so strong as to move the motorbike from side to side of the road, forcing me to balance with the body the constant changes of direction to keep the bike upright. The rain makes the asphalt so slippery that I decide to stop using the brakes in order to avoid involuntary blocks of the tires, that would let us to know the road surface! The wind effect is very strong; I’m driving a windsurfing!

After about five hours we are finally sailed to Key West; we are destroyed and completely soaked but still “safe and sound” (it has to be said and not take it for granted!).

Parked the “fide horse”, the clouds thin out and the wind dies down, leaving the scene to the long awaited show: the Key West’s sunset. Here every day at sunset, everything and everyone stops to admire it.

U.S.A. - Key West - Tramonto
U.S.A. – Key West – Tramonto

To repay the sufferings of the trip, the Key West nightlife helps us. Here the Cuban influence is strong, as we are closer to Cuba than to Miami. The streets are a succession of very particular local shops; people are cheerful, they dance in the street and parade beautiful Harley Davidson; and, finally, the weather is hot. We reward us with a delicious Key Lime Pie, the typical dessert of Key West. It seems to experience the atmosphere of the Ernest Hemingway’s novels, who lived right here.

Everglades: Florida’s tropical forest

As scheduled, the next day we head to the Everglades National Park, a marshy area infested with crocodiles and alligators, trying to recover the scheduled stops that we could not do due to bad weather.

It does not even seem to walk on same road: the landscape has completely changed, the beaches viewed the day before are unrecognizable. It’s amazing how scenarios can change in such a short period.

The day before the sea was stormy so to flood the road and the water was colored of a disturbing leaden. Now we cross the paradise, pampered by a warm sun and cheered by the sight of a calm and clear sea. A dream, our dream: crossing breathtaking landscapes with the warm wind in your face and the unmistakable sound of a Harley Davidson. At Everglades we pause for a short trek in search of alligators and crocodiles, anhinga (a rare American bird, black, with long articulated neck and a razor-sharp beak), herons (typical plants of this area) and beautiful colors landscape.

It’s amazing to see how many alligators populate this area. Road signs warn you of the danger as they are everywhere, so to fill up the ditches along the road. There is also the risk to run into panthers, but fortunately we have not encountered any of them! Florida City, Fort Myers and Sarasota, our adventure continues. We drive along the east coast, alternating rain and sun but with the freedom that only the two wheels can offer.

U.S.A. - Everglades National Park - American crocodiles
U.S.A. – Everglades National Park – American crocodiles

Orlando, the city of fun

We arrive in Orlando at about noon of the eighth day, and now we dive into the Magic Kingdom, one of the four Disney World Parks, the first one to be built. An afternoon spent amongst carousels and a lot of shows and fireworks for a stunning finish. It seems to be children again.

Daytona Bike Week

Loaded of childlike ingenuity, we depart for Daytona to experience the famous motorbike event Daytona Bike Week, going from Donald Duck to folklore bikers world.

We are not yet arrived in the city that already it feels everywhere the roar of two wheels … we’re really in the U.S.A., other than European standards that although enable us to respect the environment and to travel protected, they deprive us of the taste of riding.

There are no helmets, or only a viking helmet at most! And the mufflers rumbling like old movies. Although it is not so hot, the girls show off a sexy clothing and men wear leather vest adorned with coats of arms and commemorative pins. There are people with snakes and others with monkeys, just as we can do with dogs. Everywhere is music, dancing, drinking, buying accessories to change its motorbike… is just amazing.

U.S.A. - Daytona Beach - 69th Bike Week
U.S.A. – Daytona Beach – 69th Bike Week

We dive into this wonderful world too, buying clothing and accessories, parading with the bike through the streets of the city center allowed only to bikers, making friends with odd men of all ages and nations, and the cops that make us try their Harley.

Two days watching young girls drive strange motorcycle, old ladies with big motorcycles, men wearing vests tell their story of bikers, very special sidecar, wheel to wheel challenges, country shows and sexy striptease… then sometime you take your bike and move to other areas with more parties.

U.S.A. - Daytona Beach - 69th Bike Week
U.S.A. – Daytona Beach – 69th Bike Week

Everywhere is rumble, color and friendship, because motorbikers are a big family. There is no theft, there is no violence; so a banner at the entrance of the city: “You are welcome bikers”. I’d never say that a rally could convey peace of mind, spirit of friendship, inner peace, happiness…

I cannot describe in few word as we felt in those two days. Eventually, we leave the bikes in Orlando and we reach Miami on board a small plane to come back to Italy. Flying over the Florida, we relive the joy of this holiday, we retrace the road traveled in freedom.

Our dream has truly realized, our first adventure in the U.S. of America with a Harley Davidson, the first of a long series.

P.S. Happy birthday: the vest with the coat of arms of the gathering will help you remember this birthday. You are welcome biker! See you on the road!

Per me compleanno è sinonimo di viaggio. La consapevolezza del tempo che passa e il pensiero latente del bilancio della propria vita non mi consentono più di sognare bianche spiagge e acque cristalline. Sono alla ricerca di nuove emozioni che dimostrino a me stesso di essere ancora giovane! Nasce così l’idea di un viaggio in Florida in moto, in compagnia della mia dolce metà.

Chi non ricorda Magnum P.I., la serie televisiva statunitense che spopolò negli anni 80, interpretata da Tom Selleck, l’accattivante investigatore che ci fece conoscere e innamorare delle Hawaii?

Grazie al nostro amico Marco, di America in Moto by Kanaloa Fly&Ride conosciuto alla fiera Motodays (non conosci la fiera romana? Leggi questo articolo), i lontani ricordi si trasformano in realtà. Avendo a disposizione due settimane di ferie buttiamo giù il programma, il cosa vedere alle Hawaii, e scegliamo di scoprire Kauai, Maui, Hawaii Island e Oahu. È così che la mia dolce metà – nel vero senso della parola – Lucia ed io a fine settembre partiamo per le Hawaiian Islands.

Da motociclisti oramai collaudati che già hanno macinato miglia statunitensi, non possiamo esimerci dal gustare le strade isolane anche in sella all’ormai collaudata Electra Glide, il miglior mezzo per viaggiare della famiglia delle touring della Casa di Milwaukee.

Le Hawaii sono il 50° stato federato degli Stati Uniti d’America e si trovano a oltre 4000 km dalla più vicina massa continentale. Le sei isole principali – Oahu, Maui, Kauai, Hawaii Island, Molokai e Lanai – fanno parte di un arcipelago composto da 128 isole.

Kauai Island (ca. 190 miglia percorse)

Kauai è così verdeggiante da meritarsi l’appellativo di Isola Giardino. I paesaggi sono così belli da essere stati scelti come set cinematografici per molti film quali ad esempio Jurassic Park e I predatori dell’arca perduta.

Due giorni per scoprire questo luogo incantevole. Visitiamo Hanapepe: passeggiare per la Old Ton è come tornare indietro nel tempo, al periodo coloniale delle piantagioni di zucchero. La cittadina conserva edifici storici che ospitano gallerie d’arte, ristoranti e negozi.

Fa caldo, decidiamo quindi di rilassarci nella deliziosa spiaggia di Salt Pond Beach. Proseguiamo quindi con il Waimea Canyon, il “Grand Canyon del Pacifico“. Anche se più piccolo di quello dell’Arizona, rivaleggia per la sua bellezza. La strada che lo percorre regala panorami straordinari.

Attraverso una strada sterrata raggiungiamo Polihale Beach State Park, la spiaggia più lunga delle Hawaii: 27 km di sabbia bianca e dune. Le onde sono altissime e desistiamo dal fare il bagno. Prima di tornare in albergo, soste da Shrimp Station per gustare i Coconut Shrimp, non male anche se il cocco copre il gusto dei gamberi, e da Kauai Harley-Davidson in cerca dei primi souvenir.

Il giorno seguente raggiungiamo il punto più settentrionale delle principali isole hawaiane il Kilauea Lighthouse costruito nel 1913, santuario degli uccelli marini quali sule dai piedi rossi e fregate.

Dedichiamo il resto della giornata alla Na Pali Coast, una fascia costiera lunga oltre 30 km, caratterizzata da ripide scogliere. Un sentiero (The Kalalau Trail), il più spettacolare delle Hawaii e unico accesso via terra a questa parte di costa, ci consente di ammirare le scoscese scogliere che si gettano a picco nelle acque turchesi. L’intero sentiero è lungo 11 miglia, noi decidiamo di farne solo una piccola parte per poi tuffarci nelle acque cristalline del Ke’e State Beach Park.

Hawaii - Kauai - Salt Pond Beach
Hawaii – Kauai – Salt Pond Beach

Maui Island (ca. 485 miglia percorse)

Maui è soprannominata l’”Isola della Valle“, una vallata delimitata da due grandi vulcani spenti: Haleakala e Puu Kukui. È la seconda isola dell’arcipelago per dimensioni e quattro giorni per scoprirla sono necessari.

Iniziamo dai fondali del Molokini Crater, un cratere vulcanico quasi completamente sommerso. La sua forma a mezzaluna che riemerge dall’acqua protegge dalle correnti e dalle onde offrendo una barriera corallina ricca di vita e colori. L’immersione in grotta con due tartarughe e due squali pinna bianca, di cui uno in dolce attesa, che ci danzano intorno ripaga dall’alzataccia (4:30 a.m.).

Nel pomeriggio un po’ di relax sulla meravigliosa spiaggia bianca di Kahekili Beach Park è d’obbligo.

Il vulcano Haleakala

Il giorno seguente lo dedichiamo all’esplorazione del monte Haleakala (letteralmente “Casa del Sole“), il più grande vulcano inattivo del mondo: la sua ultima eruzione risale infatti al 1790.

Memori dell’esperienza fatta dal nostro amico Marco, iniziamo la scalata degli oltre 3000 metri in sella alla nostra Electra Glide ben equipaggiati con giacca invernale, passamontagna e maglietta termica! La strada che porta alla sommità è perfetta per essere gustata in moto: si apprezzano i tornanti, le vedute mozzafiato e i profumi rivenienti dai boschi di acacia, guava ed eucalipto. Raggiunta la vetta restiamo estasiati dalle dimensioni imponenti del cratere: oltre 30 km di circonferenza e 900 metri di profondità.

Hawaii - Maui - Veduta dal monte Haleakala
Hawaii – Maui – Veduta dal monte Haleakala

Proseguiamo la visita di Maui Island

Curiosi sono stati gli avvistamenti dei Nene, l’oca delle Hawaii in pericolo di estinzione, che si aggirano nel parco, e della bellissima Ahinahina (“Spada d’Argento”), una pianta dalle sottili e acuminate foglie color argento vivo in grado di vivere fino a 20 anni.

Raggiungiamo il Iao Valley State Park per ammirare il Iao Needle, una sorta di monolite a forma di cono alto 400 metri, il simbolo di Maui. Ma prima ci imbattiamo in un murales di straordinaria fattura, realizzato da Eric Okdeh di Philadelphia, che ci costringe a scattare numerose foto in posa con la moto.

Ma le Hawaii sono anche mare e quindi scorpacciata di spiagge di indimenticabile bellezza:

  • Ulua Beach;
  • Malu’Aka Beach;
  • Big Beach;
  • Ahihi-Kina’U Natural Area Reserve.

Affrontiamo la Hana Highway che scorre per circa 53 miglia nella parte nord orientale dell’isola e unisce le cittadine di Kahului e Hana. Di Highway non ha proprio niente: è una stradina stretta e tortuosa che attraversa foreste tropicali, numerose cascate e pendii che precipitano nell’oceano. Il paesaggio è meraviglioso e regala curva dopo curva panorami di indimenticabile bellezza. Le oltre 600 curve e i 50 ponti, molti dei quali a senso unico, ci fanno trascorrere tutta la giornata in sella al nostro ferro.

Hawaii - Maui - Molokini Crater, Squalo pinna bianca del reef - Triaenodon obesus
Hawaii – Maui – Molokini Crater, Squalo pinna bianca del reef – Triaenodon obesus

Hawaii Island (ca. 530 miglia percorse)

Ci spostiamo sull’isola di Hawaii per tre giorni, detta anche la “Grande Isola” per le sue dimensioni. Geograficamente è la più eterogenea: si possono ammirare deserti, foreste pluviali, vulcani attivi e dormienti e vette innevate.

È surrealistico tuffarsi nelle acque cristalline ammirando la vetta innevata del Mauna Loa posta a 4171 m di altezza.

Hawaii Volcanoes National Park

È doveroso iniziare la scoperta del territorio partendo dall’Hawaii Volcanoes National Park. Lo abbiamo percorso in lungo e in largo imboccando la Chan of Craters Road, 31 km di strada percorsi fra crateri e ceneri vulcaniche, ammirando la caldera ancora fumante e i fiumi di lava solidificata. La strada termina – è il termine giusto, poiché un’eruzione l’ha completamente sbarrata – sull’Holeisea Arch, un arco naturale creatosi nell’oceano. Per meglio ammirare da vicino le formazioni vulcaniche abbiamo percorso il Kilauea Iki Trail, il Poi Thurston Lava Tube, il Devastation Trail e il Pu’u Loa Petroglyphs.

Hawaii Island - Hawaii Volcanoes National Park, Kilauea Iki Trail
Hawaii Island – Hawaii Volcanoes National Park, Kilauea Iki Trail

Proseguiamo la visita di Hawaii Island

Ci dirigiamo al Punalu’U Beach Park, una spiaggia di sabbia nera finissima dove è stato possibile ammirare le tartarughe che si riscaldano al sole. È la prima volta che ci imbattiamo in tartarughe marine spiaggiate, siamo soliti vederle sott’acqua.

Per concludere la giornata visitiamo il Puuhonua O Honaunau National Historical Park che ospita antichi templi, rovine archeologiche – la Grande Muraglia (Great Wall) e il Campo Reale (Royal Grounds) – un rifugio (pu’uhonua), lastre di pietra utilizzate per giocare a konane, un’antica versione del gioco degli scacchi con i pezzi in lava nera e corallo bianco (papamu) e sculture in legno raffiguranti antichi dei (kii). Nel 1500 questo sito fu usato come asilo per chi aveva violato l’antica legge hawaiana; chi riusciva ad accedere al luogo veniva risparmiato dalla pena capitale.

Il terzo giorno lo dedichiamo alla scoperta della parte nord dell’isola visitando l’Akaka Falls State Park, una cascata di 135 metri raggiungibile dopo un breve sentiero immerso nella foresta, piante di banane, bambù e fiori esotici, e la Waipio Valley, un paradiso terrestre composto da una vallata verdissima, fiancheggiata da alte scogliere, che termina con una spiaggia di sabbia nera. Per raggiungerla servirebbe un 4×4; decidiamo di ammirare il paesaggio dal lookout.

Hawaii Island - Punalu’U Beach Park
Hawaii Island – Punalu’U Beach Park

Oahu Island (ca. 170 miglia percorse)

Soprannominata l'”Isola degli Incontri“, rappresenta il cuore delle Hawaii.

Presi da una voglia implacabile di guidare un’auto sportiva, abbandoniamo le due ruote e noleggiamo una Ford Mustang rossa fiammante. Per non dimenticare la sensazione di libertà che offre la moto decidiamo di prendere la versione cabrio. Certo non è proprio l’auto guidata da Tom Selleck ma il colore e lo stemma la ricordano molto.

Il tempo a disposizione per visitare l’isola è davvero poco, quindi dopo gli acquisti al Waikele Premium Outlets (la collezione True Religion ci fa letteralmente impazzire), proseguiamo con la visita di Pearl Harbor, passata alla storia per il feroce attacco sferrato dai giapponesi nel 1941 che segnò l’entrata in guerra degli Stati Uniti d’America.

Arizona Memorial

Assistere al filmato storico e visitare l’Arizona Memorial, ove si possono scorgere i resti della nave USS Arizona che giace sul fondale della baia, è un’esperienza molto forte che fa solo immaginare il sacrificio di vite umane.

Hawaii - Oahu - Pearl Harbor
Hawaii – Oahu – Pearl Harbor

Proseguiamo la visita di Oahu Island

Ci inerpichiamo sulla Makiki Valley per godere della vista sulla capitale Honolulu e sui suoi grattacieli.

Raggiungiamo quindi Hanauma Bay Nature Preserve, un vero paradiso terrestre. La spiaggia, di sabbia corallina, è delimitata dalle pareti sprofondate di un antico vulcano.

Dopo aver ammirato le evoluzioni dei surfisti a Sandy Beach, decidiamo di provare le onde anche noi e così ci tuffiamo nelle acque di Waimanalo Bay: è bellissimo farsi sbatacchiare dalle onde che arrivano spumeggianti. Lungo la Pali Highway, affacciato su una ripida parete, il Nu’uanu Pali Lookout offre vedute mozzafiato sulla catena delle Wai’anae Mountains.

Dopo aver apprezzato il panorama, eccoci al Kualoa Regional Park, sito popolare per gli osservatori di uccelli delle zone umide come i fringuelli dalla testa rossa detti anche Apapane; difronte alla spiaggia di sabbia bianca si trova la piccola isola di basalto di Mokoli’i (Cappello cinese).

La giornata volge al termine ma ancora due tappe ci attendono:

  • Sunset Beach, spiaggia molto apprezzata dai surfisti, considerata pericolosa per le estese formazioni di corallo vicine alla superficie. Qui si pratica il c.d. Banzai Pipeline (solo il nome fa venire i brividi) il surf più letale al mondo. Il nome deriva dalla combinazione del termine pipeline (acquedotto) che descrive il tipo di onda presente nella zona e il nome della vicina spiaggia (Banzai Beach);
  • le coltivazioni di ananas della Dole Plantation nata nel 1899; oggi rimane ben poco delle piantagioni di un tempo, a causa degli alti costi della manodopera. Il viaggio non si può concludere senza aver visitato il centro di Honolulu e la spiaggia di Waikiki, una splendida mezzaluna di sabbia bianca circondata da grattacieli e sullo sfondo il vulcano spento del Diamond Head.
Hawaii - Oahu - Honolulu
Hawaii – Oahu – Honolulu

Salutiamo le Hawaii

Iniziamo il viaggio di rientro sostando a New York. All’aeroporto è ad attenderci una limousine: che figata! Rivediamo con piacere Central Park con il sole e i colori dell’autunno, Union Square con il colorato mercato e gli spettacoli di strada (esattamente le stesse persone che avevamo incontrato l’anno prima), World Trade Center ultimato, Rockfeller Center, Wall Street, l’Harley sulla Broadway, ancora qualche regalino per Luna (la nostra boxerina che ci attende a Roma) e i tre must culinari di New York: la colazione con i muffin degli street food, la cheesecake di Junior’s e il Pastrami sandwich di Kats Delicatessen!

Il nostro viaggio si conclude così in puro stile americano. Si riparte con un bagaglio a mano pieno di regali e con le mille emozioni vissute che nessuna foto potrà mai esprimere completamente ma che la nostra mente non potrà mai cancellare… ancora un viaggio da sogno!

Ringraziamenti

Ringrazio LowRide Lifestyle Magazine per aver pubblicato l’articolo (leggi qui l’articolo).

GUARDA IL FILMATO

___________________________________________________________________________

Questo slideshow richiede JavaScript.