Antigua Guatemala è una delle destinazioni più visitate del Guatemala, non solo dai visitatori che vengono da ogni parte del mondo, ma anche dagli abitanti della vicina Capitale che la scelgono quale meta privilegiata per il fine settimana.

Infatti, il magnifico binomio di città con un ricco patrimonio artistico in stile coloniale e un contesto naturale straordinario, fa di Antigua Guatemala una meta imperdibile dello Stato dell’America Centrale.

Case basse dai colori pastello, strade acciottolate, chiese e palazzi ben ristrutturati e molti altri che portano ancora il segno delle passate catastrofi, tre vulcani giganteschi che si ergono a guardiani tutti da scoprire, artigianato e molti locali accoglienti. Questo è ciò che offre l’antica capitale.

A prima vista, mi ricorda la cittadina di San Cristobal de las Casas visitata durante il viaggio in Messico.

Viaggio in Guatemala
Scene di Vita – Antigua – Guatemala

La storia di Antigua Guatemala

La Ciudad de Santiago de los Caballeros de Guatemala, così si chiamava inizialmente Antigua Guatemala, rimase la capitale del Guatemala per circa duecento anni. 

E’ sopravvissuta a terremoti, smottamenti, colate laviche e inondazioni fino a quando, nel 1773, una serie di forti terremoti la rasero al suolo. Erano i terremoti di Santa Marta.

Alla distruzione seguì un’epidemia di tifo che causò più morti dei terremoti stessi, soprattutto tra la popolazione più povera.

Fu così che i guatemaltechi decisero di trasferire la capitale del Paese nella vicina Città del Guatemala.

Tuttavia, non tutti gli abitanti decisero di abbandonare Antigua Guatemala, desiderosi di tentare la ricostruzione.

Viaggio in Guatemala
Iglesia de Nuestra Señora del Carmen – Antigua – Guatemala

Cosa vedere ad Antigua Guatemala

Il cuore di Antigua Guatemala è il Parque Central, una grande piazza alberata circondata da meravigliosi edifici in stile coloniale. Al centro è presente una bella fontana con statue femminili che spruzzano acqua dal loro seno. Mi siedo su una delle tante panchine e ammiro la vita cittadina. Ci sono lustrascarpe, venditori ambulanti, bancarelle di street food, bambini che giocano e adulti che si riposano all’ombra degli alberi. 

L’icona della città è l’Arco di Santa Catalina. Fu costruito per consentire il collegamento di due edifici appartenenti ad un convento di suore di clausura. L’arco, infatti, ha al suo interno un corridoio chiuso attraverso il quale le suore passavano senza essere viste, nel rispetto del voto di isolamento.

Molte le chiese presenti in Antigua Guatemala. Quella che senza dubbio mi ha lasciato senza fiato per la sua bellezza è la Iglesia y convento de Nuestra Señora de Las Mercedes. Un edificio di colore giallo con la facciata rivestita da spettacolari stucchi di colore bianco. Mi ricorda una torta mimosa. Davanti al portale d’ingresso una giovane ragazza festeggia il giorno del suo fidanzamento. Indossa un abito elegante, nero e d’orato.

L’antica Cattedrale di Antigua è stata distrutta dai terremoti; si sono salvate solo alcuni elementi della struttura originaria, non il tetto. La visita è molto suggestiva. La magia che sprigiona questo luogo è capace di incantare anche il visitatore più scettico. Mi sembra di entrare in una di quelle chiese incontrate in occasione delle mie gite nei Paesi fantasma.

La figura di Santo Hermando Pedro

Lo spirito di Santo Hermando Pedro (Beato Pedro de San José Betancur) aleggia ancora su Antigua Guatemala.

Il religioso dedicò tutta la sua vita ad aiutare i bisognosi e a curare gli ammalati. Si impegnò nella costruzione di un ospedale per i poveri ed una scuola per grandi e bambini.

Nonostante sia morto nel 1667, il tempo trascorso non ha affatto attenuato la sua luce. Infatti, molti sono ancora i devoti che fanno visita alla sua tomba nella Iglesia de San Francisco o che visitano l’Ermita del Santo Calvario dove, nel suo cortile, è presente un albero particolare l’Arbor de Esquisuchil (nome scientifico: Bourreria Huanita) piantato proprio dal Santo nel 1657. I fiori di questo albero sembrerebbero guarire dal cancro.

Viaggio in Guatemala
Ermita del Santo Calvario – Antigua – Guatemala

Da non perdere

Se sei un’estimatore del succo di canna da zucchero devi assolutamente visitare La Casa del Ron. Qui potrai assaggiare uno dei migliori rum al mondo, lo Zacapa Centenario XO prodotto dalla famiglia Solero. 

Viaggiando con il solo bagaglio a mano non è stato possibile portare a casa una bottiglia del pregiato nettare; ci siamo accontentati di un bicchierino tracannato nel locale.

Antigua Guatemala è conosciuta nel mondo per la migliore giada. La gemma mistica dell’amore e della vita eterna, la pietra del cielo. Venerata dalle popolazioni Maya, rappresenta oggi un tesoro per questo Paese. 

Durante la nostra visita alla Casa del Jade non abbiamo fatto acquisti, ma abbiamo appreso il nostro Nawales, qualcosa di simile ai nostri segni zodiacali. 

Nel mondo Maya veniva data molta importanza al giorno della nascita. Infatti, esso costituisce la chiave della propria conoscenza, delle proprie caratteristiche caratteriali. Ciò rappresentava una sorta di strada tracciata da seguire.

Il mio Nawales è NO’J; sarei intelligente e nobile, avrei buone idee e un grande talento creativo. Quello di Lucia è TZ’I’; un carattere forte, pronta ad arrabbiasi senza che ci sia una ragione, sognatrice, con forza fisica e visioni divine. Sulle visioni divine non saprei, ma sul fatto che sia sempre pronta ad arrabbiarsi coincide con la realtà quotidiana.

Leggi anche:

Author

Soffro di dipendenza da viaggio. Amo visitare Paesi lontani ma anche luoghi del Vecchio Continente e dell’Italico Stivale. Sono appassionato di motociclismo, auto d’epoca, subacquea e affascinato dal mondo custom.

12 Comments

    • Grazie a te per la visita. Prossimamente pubblicherò altri articoli su questo meraviglioso Paese 😉

  1. Sogno da tempo di visitare il Centro America e non ci sono ancora riuscita. Sono davvero affascinata da questi popoli.

    • Prossimo viaggio voglio invadere il Sud America, ancora poco visitato (sono riuscito a vedere solo l’Ecuador)

    • Sono affascinanti queste tradizioni, vero? Nel nostro caso, le caratteristiche dei Nawales corrispondono ad alcuni aspetti del nostro carattere, del nostro modo di essere e di vivere 😉

    • Mai darsi per vinti. Arriverà quando meno te lo aspetti, come è stato per me 😉

  2. Un passato per nulla facile ma per fortuna non tutti gli abitanti decisero di abbandonare la città. Il Guatemala ( ma anche il Messico) è un paese che spero presto di vedere dal vivo, evoca un sacco di emozioni anche solo a leggerne!

    • Se hai la fortuna di incontrare guide fantastiche come ho avuto la fortuna di conoscere io riuscirai ad amare ancora di più questi Paesi straordinari

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: