Paesi fantasma dell’Aspromonte

Paesi fantasma - Africo Vecchio

Ai fondatori degli antichi borghi dell’Aspromonte la posizione individuata dovette sembrare perfetta. Una posizione strategica in grado di proteggere i suoi abitanti dai pericoli dell’epoca. Poi, eventi catastrofici ne cambiarono drasticamente la sorte trasformandoli in Paesi fantasma, Paesi dal fascino particolare.

Paesi fantasma – Africo Vecchio

Raggiungere l’antico borgo di Africo Vecchio non è impresa semplice. Ma non per un mezzo che ha fatto la storia dell’automobilismo italiano. 

Con un’autovettura che porta il nome del simpatico animaletto simbolo del WWF, in versione 4×4, percorriamo le strade impervie del Parco Nazionale dell’Aspromonte. Strade dissestate e antiche mulattiere sterrate che ci conducono in un posto fiabesco.

Il Paese è completamente immerso nella natura. Il silenzio domina l’intera vallata rotto solo dal canto delle cicale e dallo scampanellio di animali al pascolo.

Il primo edificio nel quale ci imbattiamo è la scuola elementare. Sopra l’ingresso si conserva ancora la scritta “Scuole Elementari”. Una grande costruzione priva del tetto lascia immaginare la presenza dei tanti bambini intenti ad apprendere nozioni di matematica e storia seduti tra rudimentali banchi. La meridiana incisa sulla parete esterna, priva dello gnomone, non misura più il tempo; sembra essersi fermata nel preciso momento dell’abbandono, come si fermano le lancette di un orologio rotto a causa di un impatto.

Paesi fantasma - Africo Vecchio
Paesi fantasma – Africo Vecchio

Proseguendo il sentiero raggiungiamo la parte principale dell’insediamento. Le vecchie case sono avvolte dalla vegetazione. Gli arbusti di mora sembrano sorreggere le antiche mura fatte di sassi. 

Scheletri di case che fungono oggi da riparo per capre e mucche al pascolo. Pietre abbandonate ovunque. Portoni ancora socchiusi che sembrano custodire gelosamente i ricordi del passato. Il tempo sembra essersi fermato ai tragici eventi.

A dominare l’antica piazza è ancora la Chiesa di San Salvatore. Un tempo era luogo di incontro, di celebrazioni. Immagino i bambini scorrazzare tra le panche di questa chiesa sotto gli occhi ammonitori del parrocco. E chicchi di riso lanciati in aria per festeggiare due novelli sposi. Momenti di vita semplici come semplici dovevano essere gli abitanti di questo luogo.

Paesi fantasma – Casalinuovo 

Sul versante opposto della montagna sorge il borgo di Casalinuovo, o meglio ciò che ne resta.

A Casalinuovo o Casalnuovo vive ancora qualche pastore. Il centro è meglio conservato rispetto ad Africo Vecchio.

Anche in questo borgo la chiesa parrocchiale, edificata nel 1629 e intitolata al SS. Salvatore, conquista la scena. Si mostra accogliente anche nella sua mutilazione.

Ma un’altra immagine attrae la mia attenzione. È quella di una vecchia Fiat 600 completamente avvolta dai rovi. Sembra esser stata dimenticata la, tra le rovine di questo borgo.

Paesi fantasma - Casalinuovo
Paesi fantasma – Casalinuovo

Gli eventi storici

Ma cosa determinò l’abbandono di questi Paesi fantasma?

Nei giorni dal 15 al 18 ottobre del 1951 questo territorio della Calabria fu interessato da un’eccezionale ondata di maltempo caratterizzata da diffuse e copiose precipitazioni di straordinaria intensità tali da causare frane e smottamenti.

Acqua e fango trascinarono via tutto ciò che incontrarono davanti al proprio cammino. Animali, abitazioni e vegetazione furono spazzati via lasciando dietro se distruzione e sgomento. 

Gli eventi catastrofici fecero registrare la scomparsa di sei persone a Casalinuovo e tre ad Africo Vecchio. Ancora più drammatica fu la distruzione delle zone agricole.

Gli abitanti dei due centri semidistrutti furono evacuati e dopo sistemazioni di fortuna nella vicina Bova Superiore, furono trasferiti in un nuovo centro sorto lungo la costa del Mar Jonio che prende il nome di Africo Nuovo.

___________________________________________________________________________

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenti

    1. Autore
      del Post
  1. Simone

    Che storie incredibili! Queste cose sembrano possa esistere solo nelle zone sperdute del Far West e invece sono a pochi chilometri da noi. Se capito nei paraggi conto assolutamente di andarci!

    1. Autore
      del Post
      Falupe

      … e non sono nemmeno casi sporadici. Altri Borghi interessanti ho scoperto nelle vicinanze; alcuni recuperati per visitatori in cerca di destinazioni alternative.

    1. Autore
      del Post
        1. Autore
          del Post
          1. Autore
            del Post
            Falupe

            Si, si ho visto alcune foto su internet. Se riesco a venire su per il Tuscany Regional Rally ci faccio un salto ❤️

  2. L'OrsaNelCarro Travel Blog

    La prima foto è spettacolare con gli edifici che spuntano dalla vegetazione (vegetazione che jungleggia quasi)! Anche a me piacerebbe mettere in pratica maggiormente questo mio lato da urban explorer: anche dalle nostre parti ci sono un sacco di paesini abbandonati post terremoto tutti da scoprire e instagrammare 😉
    Bel reportage, buona domenica!

    1. Autore
      del Post
    1. Autore
      del Post

Ti va di lasciare un commento?