Firenze insolita. La mia personale esperienza

Avviso al lettore. Se credi di trovare un percorso che si snoda tra gli splendidi monumenti di Firenze con descrizione storica e artistica questo non è l’articolo giusto per te. Ma se stai cercando alcune chicche sulla città Toscana sei sul blog giusto; continua pure la lettura. Provo a farti conoscere una Firenze insolita fatta di aneddoti, street art, Mercatini di Natale e cose buone da mangiare.

Una dannata giornata di pioggia! Una pioggia battente che non lascia tregua e non consente di visitare comodamente la città in lungo e in largo.

Luna indossa con disinvoltura il suo impermeabile rosso quasi fosse una diva.

E’ ‘r tócco, si va a mangià?” Quando varco il confine Toscano non so per quale motivo ma mi viene di accentuare il mio, oramai arrugginito, vernacolo.

Si è fatta l’una e complice questa dannata pioggia ci dirigiamo al Mercato Centrale.

Lampredotto e trippa, il fast food fiorentino

Firenze ci accoglie con i prodotti della cucina tradizionale, il top dello street food locale. Lampredotto e trippa. “Chi ben comincia è a metà dell’opera”.

Raggiungiamo, devo dire a fatica, il primo piano del Mercato Centrale di San Lorenzo, una costruzione in ferro e vetro del 1874.

Il mercato coperto ospita meravigliose botteghe del gusto. Individuo quella che fa per me ed ordino lo storico piatto, un’istituzione a Firenze: un panino inumidito nel brodo, ripieno di lampredotto (quarto stomaco del bovino) con salsa verde e tartufo ed una porzione di trippa alla fiorentina. Il tutto annaffiato da un ottimo Chianti. Alè, buon appetito!

Firenze - Mercato Centrale di San Lorenzo
Firenze – Mercato Centrale di San Lorenzo

Fiorentini ciechi Pisani traditori

Sicuramente avrai visitato il Battistero di San Giovanni, una delle più antiche chiese di Firenze. Ti sarai soffermato ad ammirare le tre porte bronzee.

Pare che le due colonne di porfido della Porta Paradiso siano state regalate dai Pisani ai Fiorentini per il potere che avevano di riflettere il volto dei malfattori. Una volta montate, i Fiorentini si accorsero che quanto raccontato dai cuginetti non rispondeva al vero.

Ciò in quanto, i Pisani avevano affumicato le colonne privandole del potere. Lo sgarbo fece aumentare ancora di più l’astio tra le due città tanto da far nascere l’antico detto “Fiorentini ciechi Pisani traditori”.

Ci sarebbe anche un altro detto “”Meglio un morto in casa che un Pisano all’uscio” ma  questa è un’altra storia…

Amici Pisani non ve la prendete, sono storie passate… scherzo, e si fa’ tanto per ruzzà.

Firenze - Battistero di San Giovanni
Firenze – Battistero di San Giovanni

La Fontana del Porcellino

Sotto la Loggia del Mercato Nuovo c’è  una strana fontana. La Fontana detta del “Porcellino” anche se la statua bronzea rappresenta un cinghiale.

Pare che toccare il naso con una moneta e farla cadere nelle sottostanti griglie porti fortuna. Prova, magari funziona davvero!

La lucentezza del naso rivela, comunque, che molti visitatori si lasciano andare allo scaramantico gesto.

Firenze - Fontana del Porcellino
Firenze – Fontana del Porcellino

La street art a Firenze

Girovagando tra i vicoli di Firenze ci siamo imbattuti in forme d’arte alternativa di tutto rispetto, dal tratto delicato e non invasivo. Una street art particolare, diversa dai murales sinora osservati.

I segnali stradali prendono vita grazie al genio di Clet Abraham, il francese divenuto fiorentino. Con semplici adesivi li trasforma rendendoli vignette geniali e divertenti, apportando “poesia al codice della strada“.

Firenze - Clet Abraham
Firenze – Clet Abraham

Il tocco di Exit Enter invece è ammirabile sui muri delle case. “Omini” dal tratto stilizzato ma anche semplici scene di vita.

Firenze - Exit Enter
Firenze – Exit Enter

Poi c’è Blub con i suoi manifesti che ritraggono persone famose, icone storiche e supereroi dei fumetti con la maschera subacquea. Simboleggia la sopravvivenza dell’arte alla crisi che sta attraversando la nostra società. L’arte sa nuotare, appunto.

Firenze - Blub - L’arte sa nuotare
Firenze – Blub – L’arte sa nuotare

Infine c’è Mehstre. Le sue opere d’arti sono una via di mezzo tra la street art e la pittura. Opere uniche dipinte su fogli che poi attacca ai muri.

Firenze - Mehstre - Pogo con Berlusconi
Firenze – Mehstre – Pogo con Berlusconi

Una forma d’arte discreta questa, originale ed ironica, adatta ad una città essa stessa, nella sua essenza, un’opera d’arte.

La ciccia

La bistecca alla fiorentina, o semplicemente fiorentina, l’icona del made in Florence. Assolutamente da gustare in una venuta in quel di Toscana.

La sua particolare forma a triangolo, lo spessore consistente, l’osso, la cottura alla brace e le patate al forno da contorno, fanno di questo piatto uno dei miei preferiti.

L’ho trovata particolarmente buona alla Trattoria Casa Toscana. Locale accogliente e curato, dall’arredamento familiare che ti fa sentire a casa.

A tavola c’è la Toscana nel suo splendore ma con il tocco caldo del sud per l’impiego di prodotti, come la cicerchia, tipici del nostro meridione.

Firenze - Trattoria Casa Toscana
Firenze – Trattoria Casa Toscana

Mercatino di Natale in Piazza Santa Croce

Vedere gli chalet in legno in Piazza Santa Croce a Firenze mi è apparso alquanto insolito, ma gradevole.

Il caratteristico villaggio, tipico delle zone alpine, è stato organizzato egregiamente.

Espositori provenienti da ogni parte d’Italia, ma anche da paesi stranieri, ci conducono in un percorso di tutto rispetto, che niente ha da invidiare ai più blasonati Mercatini del nord.

Dai prodotti gastronomici tipici altoatesini ai biscotti polacchi, dagli addobbi natalizi agli articoli di abbigliamento in lana, dal panpepato allo strudel 🎅🏻

Firenze - Mercatini di Natale in Piazza Santa Croce
Firenze – Mercatini di Natale in Piazza Santa Croce

<Firenze insolita. La mia personale esperienza>

Ho voluto abbandonare gli itinerari tradizionali e tralasciare la descrizione dei monumenti più importanti di Firenze per dedicarmi ad alcuni aspetti della Città di Dante forse meno conosciuti ma di sicuro interesse. Ti sono piaciuti?

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Commenti

    1. Autore
      del Post
      Falupe

      Grazie Giulia&Daniele. Per la street art è stata una vera ricerca al tesoro molto divertente. Ogni vicolo poteva essere quello giusto 🙂

    1. Autore
      del Post
    1. Autore
      del Post
    1. Autore
      del Post
      Falupe

      Devo dire che tra meusa – lampredotto 1 – 1. Li ho provati entrambi e credo che come “sfiziosità” si pareggino. La Street Art è fantastica anche per me ma ti posso assicurare che la ciccia è squisita ❤️

    1. Autore
      del Post
  1. Aussie Mazz

    Articolo molto interessante! 🙂 Non vado a Firenze da un bel po’ di tempo, ma la ricordo come una città molto bella e affascinante, grazie per avermela fatta rispolverare.
    Mi permetto di segnalarti una curiosità. Nel caso capitassi a Sydney, Australia, lungo MacQuarie Street c’è una replica del Porcellino (Bronze Boar), donato dalla marchesa Fiaschi Torrigiani in memoria del padre e del figlio, soldati nella guerra anglo-boera e nella I guerra mondiale ed entrambi chirurghi presso l’ospedale di Sydney, davanti a cui si trova la statua. Anche in questo caso i soldi raccolti sono donati alla struttura, il più antico ospedale in Australia.

    1. Autore
      del Post
      Falupe

      Me lo sono perso. Sono stato a Sidney un po’ di anni fa e questo particolare mi è sfuggito. Devo comunque ammettere che erano altri tempi, ero più gggiovane; ora con la maturità, del viaggiatore s’intende, vado alla ricerca anche di particolari, come dire, più sfiziosi 😉

    1. Autore
      del Post
      Falupe

      Credo anche io che sia una trovata geniale. Mi è dispiaciuto non andarlo a trovare al suo atelier. Sarà per la prossima volta; così avro modo di gustarmi questa particolare arte in evoluzione. Infatti molte opere, essendo di carta, si perdono con il passare del tempo. Non male anche le opere di Clet Abraham. Grazie per la visita e il commento 🙂

  2. L'OrsaNelCarro Travel Blog

    Viva la ciccia! *_* Davvero bello questo reportage insolito e gradevole: sembrava quasi di passeggiare con voi fra street art e profumini deliziosi immersi fra i vicoli.
    Anche io sono stata a Firenze per visitarla in un modo insolito. Praticamente l’ho salvata dalla minaccia di un’invasione aliena. Lo so detta così sembra che io stia commentando dalla saletta internet di qualche ospedale psichiatrico ma ti assicuro che è tutto vero!
    -che ho salvato Firenze non che sono in un OP- 😀 😀 😀
    Buona serata!
    Ps: anche stavolta Luna se la prende con un cinghiale! Per lei i suini sono come i Pisani per i Fiorentini? 😛

    1. Autore
      del Post
      Falupe

      Grazie Orsa. Incuriosito, sono andato a leggere il tuo di racconto. Potrebbe essere un romanzo di Dan Brown! Chissà magari l’autore dopo le ambientazioni dantesche dell’Inferno potrebbe rubarti l’idea di scrivere un romanzo sulla Firenze del 2054 invasa dagli alieni. Secondo me potrebbe funzionare. Luna, non c’è niente da fare, ama i cinghiali… tutto il suo padrone 🙂

  3. lartoftravel

    Adoro il Mercato Centrale di Firenze! Perchè dici di averlo trovato con difficoltà? Anche la nostra Livorno ha una sezione cibo veramente notevole al mercato, spererei si espandesse di più fino a diventare come quello del capoluogo toscano o quello di Roma!

    1. Autore
      del Post
      Falupe

      La difficoltà che ho incontrato è stato di raggiungere, con Luna, il piano “bivacco” e trovare due posti a sedere per la tanta gente che c’era. Raggiungere la struttura è semplicissimo. Anche al Mercato di Piazza Cavallotti hanno creato un angolo godereccio? Forte, manco da molti anni e non sapevo di questa novità.

      1. lartoftravel

        Ah si , certo, è sempre super affollato! A Livorno al Mercato c’è un bel posticino per aperitivi, cene o eventi, si chiama “Alle Vettovaglie”. Magari riuscissero a ricavare un piano bivacco anche qui e allargare la proposta gastronomica!

        1. Autore
          del Post
    1. Autore
      del Post
  4. Tiziana Zanchi

    Molto interessante questa gita nell'”altra ” Firenze, da senese ho apprezzato molto, ti consiglio una gita alternativa anche a Siena, forse più breve, ma altrettanto interessante e piena di sorprese!
    Complimenti

    1. Autore
      del Post
      Falupe

      Grazie Tiziana. La Siena alternativa mi alletta. È molto tempo che non passo a farle visita, magari con la bella stagione rispolvero il sidecar 😉

Rispondi